Condividi contenuti

L'ECM

La professionalità di un operatore della sanità può venire definita da tre caratteristiche fondamentali:

  • il sapere - Il possesso di conoscenze teoriche aggiornate
  • il fare - Il possesso di abilità tecniche o manuali
  • l'essere - Il possesso di capacità comunicative e relazionali

 
Con l’ECM la necessità di aggiornarsi è diventata anche un obbligo normativo.
 
Il rapido e continuo sviluppo della medicina ed, in generale, delle conoscenze biomediche, nonché l'accrescersi continuo delle innovazioni sia tecnologiche che organizzative, rendono sempre più difficile per il singolo operatore della sanità mantenere queste tre caratteristiche al massimo livello: in altre parole mantenersi "aggiornato e competente".
 
E' per questo scopo che, in tutti i Paesi del mondo, sono nati i programmi di Educazione Continua in Medicina (ECM); essa comprende l'insieme organizzato e controllato di tutte quelle attività formative, sia teoriche che pratiche, promosse da chiunque lo desideri (si tratti di una Società Scientifica o di una Società professionale, di una Azienda Ospedaliera, o di una Struttura specificamente dedicata alla Formazione in campo sanitario, ecc.), con lo scopo di mantenere elevata ed al passo con i tempi la professionalità degli operatori della Sanità.
 
L’introduzione del concetto di CPD (Continuos Professional Developement) sposta l’attenzione a tutta la formazione che serve a ciascun operatore della sanità per migliorarsi e migliorare il proprio rapporto con il lavoro.
 
Più che il termine ECM a cui si tende a legare SOLO il concetto dei crediti, è importante pensare a programmi formativi che il singolo operatore costruisce all’interno del proprio ambiente di lavoro per accrescere la propria “persona professionale”, associando alle proprie necessità ed aspirazioni, quelle del contesto lavorativo e sociale. E' così che si crea il DOSSIER formativo.
 
L'ECM è finalizzata alla valutazione degli eventi formativi, in maniera tale che il singolo medico, infermiere, o altro professionista sanitario possa essere garantito della qualità ed utilità degli stessi ai fini della tutela della propria professionalità e del diritto alla salute come bene sociale. L'ECM, inoltre, è lo strumento per ricordare ad ogni professionista il suo dovere di svolgere un adeguato numero di attività di aggiornamento e di riqualificazione professionale.
 
Partecipare ai programmi di ECM. è quindi un dovere degli operatori della Sanità, richiamato anche dal Codice Deontologico, ma è anche - naturalmente - un diritto dei cittadini, che giustamente richiedono operatori attenti, aggiornati e sensibili, un sistema organizzativo efficiente, efficace ed affidabile.
 
Lo sviluppo professionale continuo è la mission di MED3.
Se sei interessato a proporre percorsi formativi che ritieni utili per il tuo sviluppo professionale clicca qui.